Sud Sudan

Popolazione
11,91 ml 
Speranza di vita
55 anni
Progetti Poilon
in corso: 1
conclusi: 3
Sud Sudan. - Indipendente dal 9 luglio 2011, lo Stato del Sud Sudan costituiva fino a quella data una parte, la più meridionale, del Sudan. Le battaglie per l’autonomia della regione meridionale, storicamente emarginata e oppressa dal governo centrale sudanese, erano culminate nel referendum per l’autodeterminazione del 9 gennaio 2011 che aveva visto il 98% dei cittadini del Sud pronunciarsi per la secessione. Dopo quasi ventidue anni di guerra civile tra le regioni settentrionali e meridionali del Sudan, il referendum costituiva la tappa finale del processo di pace firmato nel 2005 a Nairobi dal governo di Khartum e dai ribelli meridionali del Movimento per la liberazione popolare del Sudan (Splm). Sono 1,9 milioni gli sfollati interni in Sud Sudan e circa 250 mila rifugiati nei Paesi vicini. Per molti è la crisi umanitaria più grave nel continente africano, determinata da fattori diversi, tra cui una grave carestia, una guerra civile e l’economia nazionale al collasso. 
Popolazione sotto soglia povertà
50,60%
Indice di Sviluppo Umano
167° su 186 paesi
Cinque anni fa si celebrava il Sud Sudan come il più giovane paese del mondo, alla fine di un processo di pace con il Sudan che era stato promosso dal governo americano. Nel 2013, però, iniziò uno 
Progetti Poilon in Sud Sudan
scontro tra il presidente del paese e il suo vice, che in poco tempo è diventato un più ampio conflitto etnico. Sono state uccise 50 mila persone. Oggi più del 40 per cento dei quasi 12 milioni di abitanti del Sud Sudan si ritiene abbiano problemi ad alimentarsi correttamente.
Come se il conflitto civile non bastasse, ora lo stato più giovane del mondo deve
affrontare un’altra piaga: la fame. La siccità e l’abbandono dei campi, dovuto all'insicuezza del conflitto, hanno ridotto al minimo le riserve alimentari, crisi che colpisce principalmente i più vulnerabili: donne e minori. La presenza di Poilon nel paese si concentra sulla sanità e la nutrizione e al supporto della ricostituzione del tessuto sociale.
5x1000 Poilon 2020.jpg

© ver. 01/2017 - made by: persempre_project.naf

​​contatti:

Roberta Castelli    +39 3385271835

Angelo Rusconi    +39 3394676142

Pietro Pasquarelli +39 3290606803

indirizzi

Sede Legale: Via Francesco Grenet, 77 D/1 - 00121 (Roma) - Italia

Sede operativa:Via San Lorenzo, 27 Veniano (Como)

e-mail: info@poilon.it

 

codice fiscale: 07586221009